Non solo gluten free

Benvenuti nel mio blog! Ho il piacere di condividere con voi tutte le mie ricette nella speranza che, tra le centinaia preparate, ne troviate una che vi dia la voglia di ritornare da me. Vi accoglierò con una bella tazza di caffé e una fetta di Cassata siciliana.
Troverete ricette di ogni tipo, dall'antipasto al dolce e quasi tutte saranno adatte anche agli intolleranti al glutine.




lunedì 20 ottobre 2014

Waffel dolci con crema e frutta (senza glutine né zucchero)


piatto dessert Easy Life Design


Ingredienti per 3 waffels:

per l'impasto dei waffels:
2 uova medie
45 g zucchero (per me 20 g stevia Truvia)
70 g farina (per me Preparato per dolci senza glutine Molino Dallagiovanna)
40 g burro
vanillina (omessa)
1 pizzico sale
20 g latte (mia aggiunta)

per la crema pasticcera di Luca Montersino:
37 g tuorli
37 g zucchero (per 20 g stevia Truvia)
5 g fecola di patate senza glutine
5 g maizena senza glutine
150 g latte
zeste grattugiate di un limone biologico 

per la decorazione:
kiwi
loti





Tempo di preparazione: 20 min.


Buon dolce lunedì!
Terzo lunedì di fila in cui preparo dolci senza zucchero! 
Qui fa ancora caldo e finché durerà questa temperatura estiva non sono molto propensa a preparare torte, quindi le mie proposte vertono più su dolci al cucchiaio e dessert, ma prometto che prestissimo tornerò a cimentarmi con le torte, ne ho già da parte qualcuna che mi alletta tanto.
Dessert davvero ottimo, la crema può essere aromatizzata a piacere e anche la quantità di stevia dipende da quanta dolcezza volete percepire.
Stesso discorso per la frutta, scegliete quella che preferite, l'importante è che la tagliate e mettete sulla crema proprio prima di servire così che non avvizzisca.
La base del waffel l'ho presa qui, è buona e un pò diversa dalla solita mancando il lievito per dolci.
Dolcetto da leccarsi i baffi mentre i sensi di colpa passano le vacanze altrove.
Buona settimana, a presto.

Preparazione:

Per la crema pasticcera:
- Lavorare i tuorli con la stevia, unire gli amidi e mescolare bene.
- Aggiungere la scorza di un limone biologico grattugiata, diluire con il latte e lasciare addensare sul fuoco, mescolando di continuo con una paletta.
- Travasare la crema in una ciotola, coprire con pellicola e lasciare raffreddare.

Per i waffels:
- Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale.
- Lavorare i tuorli con la stevia, versare il burro fuso e freddo e aggiungere la farina e incorporare pian piano gli albumi a neve.
- Stemperare con il latte e cuocere i waffel nell'apposita macchinetta.

- Servire i waffels decorandoli al momento con la crema e con la frutta fresca.

Continua a leggere...

venerdì 17 ottobre 2014

Polpettine di cavolfiore, pancetta e formaggio ‪#‎WDF2014‬, ‪#‎GMA2014‬, ‪#‎GFFD‬

Vassoio Easy Life Design


Ingredienti:

cavolfiore
pancetta senza glutine
pepe
prezzemolo
formaggio a cubetti (io caciocavallo)
pangrattato senza glutine
uova per l'impanatura
farina di mais senza glutine (quella per polenta)
olio per friggere





Tempo di preparazione: 20 min.


Buon venerdì e  buon #GFFD!
Giovedì 16 ottobre la FAO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura, ha organizzato la Giornata Mondiale dell'Alimentazione allo scopo di valorizzare, promuovere e dare risalto alle risorse e all'agricoltura legate al territorio di appartenenza. 
Prodotti a chilometro zero, legati alla stagionalità saranno i protagonisti delle nostre pietanze sempre, ma specialmente dal 16 a 19 ottobre. 

Sulla nostra pagina Facebook ma anche su Instagram, noi della redazione di Gluten Free Travel & Living ospiteremo tutte le vostre ricette non solo senza glutine ma anche a chilometro zero, specie in occasione del Gluten Free (Fri)Day
Condivitetele con noi usando i seguenti hashtag " ‪#‎WDF2014‬‪#‎GMA2014‬‪#‎GFFD"
La mia ricetta è a metri zero! 
Il cavolfiore del giardino vicino casa la fa da padrone, arricchito da pancetta, prezzemolo, caciocavallo (che è sempre presente sulla mia tavola, il migliore è il ragusano) nel mio caso fritte in olio d'oliva che più di famiglia non si può... un inno alla sicilianità, alla buona tavola e all'agricoltura locale! 
Che c'entrano le bandierine svizzere allora? No, niente! avevo quelle......
Niente quantità, ho fatto ad occhio e vi consiglio di fare ad occhio e seguire il vostro palato.
L'importante è la consistenza finale che dia modo di formare delle piccole palline che non si appiattiscano in cottura e quindi regolate voi la quantità di pangrattato da inserire. 


Buon appetito e buon fine settimana.

Preparazione:

- Cuocere il cavolfiore tagliato a cimette piccole al vapore.
- Una volta freddo, schiacciarlo con la forchetta.
- Aggiungere prezzemolo tritato, pepe, dell'insaporitore (è a base di verdure e contiene già il sale, sta benissimo anche nella cottura delle verdure in genere con o senza sugo), pancetta tritata al coltello, caciocavallo a cubetti piccolissimi e del pangrattato che assorba l'umidità.
- Con le mani umide formare delle polpette grandi quanto una noce.
- Passarle nell'uovo battuto e poi nella farina di mais.
- Friggere in olio caldo finché non diventano ben croccanti e dorate.

Continua a leggere...

mercoledì 15 ottobre 2014

Pancarré senza glutine con lievito madre





Ingredienti:

200 g lievito madre
320 g acqua
220 g miscela senza glutine per pane  Schaer Mix B
180 g preparato per pane e pizza senza glutine Molino Dallagiovanna
1 cucchiaino sale
2 cucchiai olio d'oliva





Tempo di preparazione: 15 min.


Non avevo intenzione di postare questo pancarré, l'ho già fatto diversi anni fa e sempre con lievito madre. 
Ma avendo rifatto il lievito madre con sola farina di riso, avendo cambiato le farine (e sapete come per noi celiaci cambino tanto i risultati al variare delle miscele) e avendo ottenuto un pane esplosivo (sia come sapore che come aspetto) ho voluto condividerlo.
Io quando panifico uso davvero ciò che ho sottomano, il pane viene sempre buono, a volte si sente un pò di retrogusto, a volte lievita di meno, a volte la crosta non è ben colorita come piace a me e stavolta ha superato le aspettative. 
Ho riempito uno stampo da plumcake fino a metà altezza (quindi 3,5 cm) e il pane cotto era alto 10 cm dopo sole 4,30 h di lievitazione; è molto profumato, talmente soffice che schiacciandolo ritorna su come un elastico (e vi ho scattato la foto a testimonianza), sono troppo soddisfatta!
Buona giornata a tutti e a presto.

Con questo pane partecipo alla raccolta di Panissimo ideata da Barbara e Sandra dei blog“Bread & companatico” e “Sono io, Sandra”, questo mese ospitato da  Maria Teresa del blog “De Gustibus Itinera” 


Preparazione:

- Versare nella ciotola dell'impastatrice l'acqua, sciogliere al suo interno il lievito madre, aggiungere il miele e le farine.
- Impastare con l'accessorio foglia per almeno 10'.
- Aggiungere l'olio e il sale e impastare ancora altri 5'.
- Versare l'impasto in uno stampo da plumcake, coprire e lasciare raddoppiare di volume.
- Scaldare il forno a 250°, oliare la superficie del pane e cuocere per 15', abbassare il forno a 200° e cuocere ancora 25'.

Continua a leggere...

lunedì 13 ottobre 2014

Tartellette autunnali (senza zucchero né glutine)









Ingredienti per 9 tartellette:

150 g farina (per me Preparato per frolla senza glutine Molino Dallagiovanna)
75 g burro
42 g uovo

per la farcia:
200 g mascarpone
200 panna fresca
3 cucchiaini stevia Truvia
uva nera






Tempo di preparazione: 15 min

Coppapasta tondo Guardini

Buon dolce lunedì!
Anche questo lunedì è all'insegna  della dolcezza ma senza sensi di colpa.
Ho voluto provare la frolla con stevia e devo dire che mi ha stupita; chiaramente non si colora in cottura come quando c'è lo zucchero, la frolla è meno dolce (potete aumentare la quantità di stevia a piacimento), ma in compenso lo è la crema, quindi nell'insieme risulta dolce ma non stucchevole, molto fresco e delicato.
Dolcetto autunnale benché qui di autunno non si possa parlare.
Vi auguro una felice settimana, a presto.

Preparazione:

- Sabbiare la farina, con la stevia e il burro freddo a pezzetti.
- Aggiungere l'uovo e lavorare finché non si ottiene una pasta liscia.
- Avvolgere in pellicola e mettere in frigo 30'.
- Stendere la pasta in uno strato di mezzo cm e copparla con un coppapasta (per me da 10 cm adatto agli stampi in silicone).
- Riempire ogni stampino, bucherellare il fondo, adagiare un quadrato di carta forno e riempirlo con ceci secchi.
- Cuocere a 180° per circa 12', togliere lo stampo dal forno, rimuovere carta forno e ceci e rimettere in forno per un'altra decina di minuti.
- Fare raffreddare su una gratella.
- In una ciotola preparare la crema al mascarpone per farcire dolci, unendo al formaggio la panna e la stevia e montando con la frusta (basterà qualche secondo).
- Riempire una tasca da pasticceria e riempire le tartellette.
- Lavare l'uva, asciugare ogni chicco e decorare le tartellette.

Continua a leggere...

venerdì 10 ottobre 2014

Treccia all'indiana




Teglia Guardini linea Keramìa.



Ingredienti per 4 persone:

per la pasta sfoglia (ricetta di Cristina):
150 g farina (per me Biaglut senza glutine pacco da 1 kg)
150 g burro (o margarina)
70 g acqua

per la farcitura:
100 g riso basmati
200 g acqua
1 cucchiaino curry Ariosto
1 cucchiaino garam masala
1 carota
1 cipolla
1 piccola melanzana
1 piccolo peperone
2 piccole zucchine
2 cucchiai prezzemolo tritato
6 pomodorini
tuorlo per la doratura
semi di papavero






Tempo di preparazione: 20 min.


Buon venerdì' e buon #GFFD!
Scusate ma oggi mi auto-incenso ....ma che bella treccia che è venuta fuori!
Tantissimi mesi fa cercavo una forma diversa dal solito da dare al pane e sono andata a spulciare il sito di Nadji che ha una vera passione per i vari tipi di "façonnages" francesi e internazionali. 
Andare da lei e non trovare un pane, una brioche, un panino dalla forma splendida è impossibile. 
Invece sono incappata per sbaglio in questa treccia all'indiana che mi è piaciuta subito e l'ho salvata, messa da parte e mai dimenticata.
Ieri avevo davvero un mucchio di cose di cui occuparmi e non avevo nulla sottomano per il GFFD, credo di avere lisciato l'evento solo nel mese di agosto perché il blog era in ferie e mi dispiaceva un po' non pubblicare nulla.
Ho ricordato prima la treccia e poi il mio cervello si è messo in moto per trovare un modo di preparare la sfoglia senza dovere aspettare 4 ore perché fosse pronta.
Di colpo mi son ricordata della sfoglia di Cristina usata già con successo qui e mi sono messa all'opera.
Quando l'ho fatta la prima volta era inverno e la pasta era perfettamente manipolabile, ieri era estate (ah no? è autunno? ne siete sicuri? ops...qui c'erano 26°!) e ho fatto una fatica tremenda a stenderla sottilmente e dare la forma perché si spappolava tra le dita per il caldo.
Alla fine ce l'ho fatta a darle una forma graziosa e vi dirò che è estremamente buona, troppo buona.
Perfetto come piatto unico, riso e verdure garantiscono che sia un piatto completo, la sfoglia dona quel tocco di burrosità e ricchezza che ben si sposta con il resto.
Come dice Nadji, potete mettere all'interno ciò che volete, carne tritata, uova sode, verdure di altro genere, sbizzarritevi!
E in più fate una gran bella figura portandola a tavola perché è carina da vedere, no?
Aspettiamo i vostri deliziosi contributi al Gluten Free(Fri)Day, cliccate qui e lasciateci la vostra ricetta senza glutine.
Vi auguro un bel fine settimana, a presto.

Preparazione:

- Inserire nel boccale di un mixer la farina, il burro freddo a pezzetti e sabbiare (si può anche fare a mano).
- Versare poco per volta l'acqua, togliere la pasta dalla ciotola, metterla su un piano infarinato e darle dei giri come si fa per la pasta sfoglia; appiattire la pasta, piegarla a libro e ripetere l'operazione 3 o 4 volte.
- Avvolgere la pasta in pellicola e metterla in frigo perché si rassodi per bene.
- Nel frattempo lavare, asciugare e tagliare a cubetti piccoli tutte le verdure.
- Soffriggere la cipolla tritata in un filo d'olio e poi versare le verdure, cuocendole a fiamma vivace perché siano cotte ma croccanti.
- Insaporire con gli insaporitori.
- Una volta cotte, spegnere e lasciare raffreddare.
- Versare il riso in una casseruola, aggiungere curry e garam masala, coprire con acqua bollente e, quando ricomincia a bollire, mettere il coperchio e portare a cottura senza mescolare.
- Sgranare il riso con la forchetta e lasciare raffreddare.
- Stendere la pasta fredda con un mattarello su un piano infarinato, cercando di darle una forma rotonda e sottile.
- Segnare una larga striscia centrale e poi con il coltello tagliare delle strisce oblique  nelle due fasce laterali.
- Mettere sulla striscia centrale il riso freddo e sopra le verdure.
- Ripiegare l'estremità centrale e poi, alternandole, sovrapporre le striscioline laterali piegandole verso il centro.
- Una volta ben chiusa la treccia, battere un tuorlo d'uovo e dorare tutta la superficie.
- Spolverare con semi di papavero.
- Cuocere a 180° per circa 25' o 30' a seconda del forno.
- Consumare tiepido o freddo, l'indomani è anche più buono.




Continua a leggere...