Non solo gluten free

Benvenuti nel mio blog! Ho il piacere di condividere con voi tutte le mie ricette nella speranza che, tra le centinaia preparate. ne troviate una che vi dia la voglia di ritornare da me. Vi accoglierò con una bella tazza di caffè e una fetta di Cassata siciliana, anche senza glutine.
Troverete ricette di ogni tipo, dall'antipasto al dolce e quasi tutte saranno adatte anche agli intolleranti al glutine.




domenica 30 maggio 2010

Crostata al cioccolato

Ingredienti:
Per la pasta brisé:
200 gr. farina (io ho usato la Biaglut, pacco da 1kg)
100 gr. burro
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito per dolci
acqua
Per la crema:
180 gr. cioccolato fondente
120 gr. burro
200 gr. zucchero
4 cucchiaini di caffè
4 cucchiai di maizena
4 cucchiai di latte
4 uova
cacao



Tempo di preparazione: 30 min.
Preparazione:
Questa strepitosa crostata l'ho presa dal sito di Fimère di "Aux délices des gourmets" e esattamente qui. E' un pò insolita perchè usa la brisé al posto della frolla. Io ho modificato soltanto il tipo di farina, usandone una senza glutine (Biaglut da 1kg), ma voi potete usare una normale 00. Poi ci sono un paio di cose che non erano molto chiare, ma non ho avuto il tempo di chiedere delucidazioni e ho improvvisato. Non ho ben capito se si parla di zucchero a velo o semolato (io ho usato il semolato) e nell'elenco degli ingredienti cita il caffè ma nella descrizione parla di vaniglia (adoro l'accoppiata cioccolato-caffè e quindi ho optato per quest'ultima). Dunque, consiglio di fare per prima cosa la crema. In una casseruola fondere a fiamma bassissima il burro e aggiungere la cioccolata, lo zucchero e il caffè (ne ho messa mezza tazzina). Aggiungere anche la maizena e il latte e, mescolando di continuo, fare cuocere tutto per circa 10 min. Versare la crema in una ciotola e fare raffreddare del tutto (ci vorrà qualche ora). Nel frattempo sabbiare la farina con il burro leggermente morbido e un pizzico (ma veramente un pizzico) di sale e il lievito. Aggiungere quel tanto di acqua (ne ho messi 4 cucchiai) che basta per ottenere una pasta liscia. Avvolgerla in pellicola e fare riposare in frigo almeno mezz'ora. Io non ho ben calcolato la tempistica e ho prima fatto la brisé, che ho steso su carta forno e messo direttamente in teglia da 22 cm (potete usarne anche una da 24 cm così viene più sottile e potete versare tutta la crema senza che sbordi). Ho conservato la brisé in frigo finchè non ero pronta a cuocere la torta (4 ore circa!). Quando la crema si è freddata, aggiungere un tuorlo alla volta e mescolare. Montare a neve gli albumi (non troppo a neve se no vengono delle bolle sulla superficie della torta che formeranno uno spazio tra la crema e la crosta) e aggiungerli delicatamente alla crema. Io per sicurezza ho bucherellato la brisé anche se non era specificato e l'ho infornata in bianco per circa 10 min. a 180°. Trascorso questo lasso di tempo, l'ho tolta dal forno, ho versato la crema (quasi tutta perchè era troppa) e ho infornato di nuovo per 45 min. (nel mio forno, ma potrebbero volerci anche 50 min.). Avendola cotta ieri sera sul tardi, l'ho lasciata freddare tutta la notte e stamani (afferrandola dai lembi della carta forno-meno male che c'erano se no si sarebbe spaccata tutta!) l'ho tolta dallo stampo, l'ho spolverizzata con cacao amaro e me la sono gustata a colazione: ECCEZZIONALE veramente. Ha un gusto particolare perchè nel fondo non c'è zucchero e quindi si sente il contrasto tra la brisé leggermente salata e la dolcezza cioccolatosa della crema. La crema in cottura forma una crosta buonissima (che nel mio caso si è sollevata dalla base) e contrasta anch'essa con la morbidezza della crema. Da rifare di sicuro. Grazie Fimère :-D


8 commenti :

  1. questa torta mi intriga molto. non amo particolarmente il cioccolato, ma queste torte in cui rimane umido e si sente il contrasto fra l'interno morbido e la crosta croccante mi piacciono moltissimo. l'idea del guscio di brisé mi sembra azzeccata, per le ragioni che dici tu. insomma, penso che la proverò.

    grazie sonia, come al solito hai preparato una cosa buonissima!

    RispondiElimina
  2. Ciao Gaia,
    a casa mia entra prima la tecnologia (in tutte le sue forme), poi la cioccolata (in tutte le sue forme) e, se rimane spazio, le persone (....)! Quindi per me questo è il top della goduria gastonomica. Ma potresti provarla perchè come dicevo è particolare.
    E grazie per i complimenti.
    Buonissima domenica :-D

    RispondiElimina
  3. ci starebbe proprio bene un dolcetto cioccolatoso di domenica...gnam,fetta rubata!

    RispondiElimina
  4. La mia voglia di fare dolci la domenica l'hai presa tu!!!!!!!!!!!!!!!!per questo non la trovo più!!!!!!!!!!complimenti....

    RispondiElimina
  5. Grazie Luby, goditi pure la tua fettina :-D

    Mariana, io li farei anche di martedì...ma mi trattengo :-D

    Bacioni

    RispondiElimina
  6. Che bella, poi ti è venuta una crosticina fantastica...che quando c'è nei dolci al cioccolato è la parte che più mi piace!

    RispondiElimina
  7. Che delizia!!!
    Sai sempre come stupirci, bravissima!

    Bacini

    RispondiElimina

Grazie per essere passati dalla mia cucina. I vostri commenti sono sempre graditi.